AREA UTENTE
Accedendo all'area utente sarà possibile recuperare i propri documenti
Username
Password
 

Circolare n.20/01 - Voucher per la digitalizzazione

06-12-2017
CIRCOLARE N.20/01   ANNO  2017

                                   VOUCHER PMI: 100 MILIONI PER LA DIGITALIZZAZIONE

 

Con decreto ministeriale del 24 ottobre 2017, il MISE detta le regole per accedere al contributo in forma di voucher per l'acquisto di hardware, software e servizi informatici per la digitalizzazione dei processi aziendali; Il MISE fornisce le indicazioni operative necessarie all'ottenimento del contributo economico erogato sotto forma di voucher per l'acquisto di hardware, software e servizi specialistici finalizzati alla digitalizzazione dei processi aziendali e all'ammodernamento tecnologico.

il contributo verrà erogato nella misura del 50% dell’investimento, con un limite massimo erogabile pari a  10mila euro.

Dal momento che per il contributo sono stati stanziati 100 milioni di euro in totale, il ministero ha chiarito che nel caso in cui l'importo totale dei voucher concedibili dovesse superare lo stanziamento, le risorse "saranno ripartite in proporzione al fabbisogno derivante dalla concessione del Voucher da assegnare a ciascuna impresa beneficiaria. Ai fini del riparto saranno considerate tutte le imprese ammissibili alle agevolazioni che avranno presentato la domanda nel periodo di apertura dello sportello, senza alcuna priorità connessa al momento della presentazione".

Le imprese che otterranno il beneficio dovranno effettuare le spese dopo la comunicazione dell'ottenimento del contributo e dovranno essere presentate entro 30 giorni dall'ultimazione delle stesse. Il ministero farà le verifiche del caso per determinare ed erogare gli importi dei voucher.

Tabella su attività e spese ammissibili

Ambiti di attività Spese ammissibili

a)     miglioramento dell'efficienza aziendale

b)     modernizzazione dell'organizzazione del lavoro

c)      sviluppo di soluzioni di e-commerce, Hardware, software e servizi di consulenza      specialistica

d)     connettività a banda larga e ultralarga

Le spese relative a tale ambito sono ammissibili solo se strettamente correlate agli ambiti di attività a), b) e c); sono inoltre ammissibili le spese di attivazione del servizio per la connettività sostenute una tantum (con esclusivo riferimento ai costi di realizzazione delle opere infrastrutturali e tecniche e ai costi di dotazione e installazione degli apparati necessari alla connettività a banda larga e ultralarga).

 

e)     collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare

Le spese relative a tale ambito sono ammissibili solo se strettamente correlate agli ambiti di attività a), b) e c); sono inoltre ammissibili le spese relative all'acquisto e all'attivazione di decoder e parabole per il collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare.

 

f)     formazione qualificata nel campo ICT del personale

Le spese relative a tale ambito sono ammissibili solo se attinenti ai fabbisogni formativi strettamente correlati agli ambiti di attività a), b),c), d) ed e); sono inoltre ammissibili le spese per la partecipazione a corsi e per l'acquisizione di servizi di formazione qualificata (a favore di titolari, legali rappresentanti, amministratori, soci, dipendenti dell'impresa beneficiaria).

 

QUANDO PRESENTARE LA DOMANDA




 



Art. 3



Le domande possono essere presentate a partire dal 30 gennaio 2018 fino al 9 febbraio 2018.



a) La domanda può essere compilata a partire dal 15 gennaio 2018.



b) L’invio della domanda potrà essere effettuato dal 30 gennaio al 9 febbraio.



Art. 4.1



Il Ministero entro 30 giorni dalla data di chiusura dello sportello (9 febbraio)  provvede ad adottare un provvedimento cumulativo di prenotazione del voucher contenente l'indicazione delle imprese e dell'importo dell’agevolazione prenotata.



Art. 5



Le spese devono essere avviate successivamente alla prenotazione del voucher effettuata con il provvedimento di cui all'art 4.1. La data di avvio si intende la data del primo titolo di spesa ammissibile.



Le spese devono essere ultimate non oltre sei mesi dalla data di pubblicazione del provvedimento di cui all'art 4.1.




 



Riportiamo alcune FAQ tratte dal sito del Ministero che riteniamo essere importanti:




 



- Gli studi professionali e, più in generale, i liberi professionisti possono presentare domanda di accesso alle agevolazioni previste ai sensi del decreto 23 settembre 2014?



Ai fini dell’accesso alle agevolazioni, le imprese sono tenute al rispetto di tutti i requisiti individuati all’articolo 5 del decreto 23 settembre 2014, tra cui è previsto l’obbligo, alla data di presentazione dell’istanza di Voucher, di essere iscritti al Registro delle imprese. Pertanto, gli studi professionali e, più in generale, i liberi professionisti possono accedere alle agevolazioni solo qualora svolgano la propria attività in forma di impresa e siano iscritti, alla data di presentazione della



domanda, al Registro delle imprese.




 



- Da quando possono essere sostenute le spese ammissibili alle agevolazioni previste dal decreto 23 settembre 2014?



Come previsto all’articolo 2, comma 3 del decreto 23 settembre 2014, le spese devono essere sostenute solo successivamente all’assegnazione del Voucher. L’avvio del progetto deve essere, quindi, successivo alla pubblicazione sul sito istituzionale del Ministero (www.mise.gov.it) del



provvedimento cumulativo di prenotazione del Voucher di cui all’articolo 4, comma 1, del decreto direttoriale 24 ottobre 2017.




 



- Entro quali termini occorre ultimare il progetto di digitalizzazione e ammodernamento tecnologico oggetto della domanda di Voucher?



Come previsto all’articolo 5, comma 1, lettera b), del decreto direttoriale 24 ottobre 2017, il progetto di digitalizzazione e ammodernamento tecnologico deve essere ultimato entro sei mesi dalla pubblicazione sul sito istituzionale del Ministero (www.mise.gov.it) del provvedimento cumulativo di prenotazione del Voucher. Per data di ultimazione si intende la data dell’ultimo titolo di spesa ammissibile riferibile al progetto stesso.



Si evidenzia, inoltre, che le prestazioni svolte a titolo di servizi di consulenza o di formazione, facenti parte del progetto agevolato, devono essere realizzate entro il medesimo periodo.




 



- Il Voucher per la digitalizzazione delle PMI è cumulabile con altre agevolazioni? In particolare è cumulabile con norme che prevedono benefici di carattere fiscale applicabili alla generalità delle imprese (come ad es.  Super e Iper ammortamento)?



Le agevolazioni previste dal decreto 23 settembre 2014, in base a quanto stabilisce l’articolo 3, comma 4, dello stesso, non sono cumulabili con altri contributi pubblici concessi a valere sugli stessi costi ammessi. Si rappresenta, però, che il predetto divieto di cumulo agisce solo qualora



i suddetti contributi pubblici siano inquadrabili come aiuti di stato ai sensi dell’articolo 107 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea. Il Voucher risulta, invece, fruibile unitamente a tutte le misure di carattere generale che, prevedendo benefici applicabili alla generalità delle imprese, non sono da considerare aiuti di Stato e non concorrono, quindi, a formare cumulo, quali a titolo esemplificativo Super e Iper Ammortamento (vd circolare dell’Agenzia delle Entrate del 30 marco 2017 n. 4/E).




 



- Come funziona la procedura informatica finalizzata alla trasmissione delle domande di accesso alle agevolazioni?



La procedura informatica sarà accessibile nell’apposita sezione “Voucher digitalizzazione” <http://www.sviluppoeconomico.gov.it/index.php/it/incentivi/impresa/voucher-digitalizzazione>



del sito web del Ministero, a partire dalle ore 10.00 del 15 gennaio 2018. La suddetta procedura prevede l’identificazione e l’autenticazione attraverso la Carta nazionale dei servizi (CNS), ovvero un dispositivo (una Smart Card o una chiavetta USB) che contiene un “certificato digitale” di



autenticazione personale. L’accesso alla procedura informatica è riservato al rappresentante legale dell’impresa proponente, come risultante dal certificato camerale della medesima o ad un altro soggetto interno alla sua organizzazione a cui sia delegato (attraverso la procedura informatica – “Gestione Deleghe”) il potere di rappresentanza per la presentazione della domanda di accesso alle agevolazioni.

                  

 
Torna

 

 
     
Studio Zaglio - P.IVA: 00453250201