AREA UTENTE
Accedendo all'area utente sarà possibile recuperare i propri documenti
Username
Password
 

Circolare n.43/2010 - Imprese del settore tessile e abbigliamento - Detassazione delle spese in ricerca e sviluppo per la realizzazione di campionari - Anticipazione della scadenza di presentazione de

21-12-2010
Imprese del settore tessile e abbigliamento - Detassazione delle spese in ricerca e sviluppo per la realizzazione di campionari - Anticipazione della scadenza di presentazione delle domande


CIRCOLARE N.43/2010

INDICE

1 Premessa
2 Struttura del modello “CRT”
3 Termini di presentazione del modello “CRT”
4 Modalità di presentazione del modello “CRT”
5 Comunicazione dell’agevolazione spettante

1 PREMESSA
L’art. 4 co. 2-4 del DL 25.3.2010 n. 40 (c.d. “DL incentivi”), convertito nella L. 22.5.2010 n. 73, ha previsto un’agevolazione fiscale per sostenere il settore del tessile e dell’abbigliamento.
In particolare, è riconosciuta una detassazione dal reddito d’impresa (c.d. “Tremonti-quater”):
• alle imprese che svolgono, anche in modo non prevalente, le attività di cui alle divisioni 13, 14 o 15, oppure al codice 32.99.20 (in relazione alla fabbricazione di bottoni), della Tabella ATECO 2007, a prescindere dalla natura giuridica, dalla data di inizio dell’attività, dalla dimensione aziendale e dall’adozione di particolari regimi contabili o di determinazione del reddito;
• pari agli investimenti in attività di ricerca industriale e di sviluppo precompetitivo per la realiz¬zazione di campionari fatti nell’Unione europea, effettuati nel periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31.12.2009 e fino alla chiusura del periodo d’imposta in corso al 31.12.2010 (anno 2010, per i soggetti “solari”);
• che opera esclusivamente in sede di versamento a saldo delle imposte sui redditi (IRPEF/IRES, l’agevolazione non rileva anche ai fini IRAP) dovute per il periodo d’imposta di effettuazione degli investimenti (anno 2010, per i soggetti “solari”).

In attuazione di tale disciplina, il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate 10.9.2010:
• ha approvato la nuova versione del modello “CRT”, con le relative istruzioni di compilazione, che deve essere utilizzato per comunicare i dati relativi agli investimenti effettuati in attività di ricerca e sviluppo, al fine di beneficiare della suddetta detassazione;
• ha stabilito le relative modalità e termini di presentazione.

Con il provv. 9.12.2010, l’Agenzia delle Entrate, al fine di tenere conto delle indicazioni comunitarie, ha anticipato al 31.12.2010 il termine finale di presentazione delle domande, precedentemente stabilito al 20.1.2011.
2 STRUTTURA DEL MODELLO “CRT”
Il modello “CRT” è composto:
• dal frontespizio, contenente l’informativa sul trattamento dei dati personali e i dati identificativi del soggetto richiedente;
• dal quadro A, contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo agevolabili (effettuati o da effettuare) e del relativo risparmio d’imposta.

Al fine di fruire del beneficio fiscale, l’impresa deve altresì dichiarare, in un’apposita sezione del frontespizio, di rispettare la disciplina comunitaria in materia di aiuti di Stato.
In particolare, l’impresa deve dichiarare che:
• non versava in condizioni di difficoltà al 30.6.2008;
• non rientra fra coloro che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato gli aiuti che lo Stato è tenuto a recuperare in esecuzione di una decisione adottata dalla Commissione europea;
• beneficia dell’agevolazione nel rispetto del limite di aiuti di 500.000,00 euro nel triennio 2008-2010, al lordo delle imposte dovute, considerando anche gli altri aiuti ricevuti, compresi quelli rientranti nel regime “de minimis”.
3 TERMINI DI PRESENTAZIONE DEL MODELLO “CRT”
Il modello “CRT” deve essere presentato a partire dall’1.12.2010 e fino al 31.12.2010.
È stata quindi anticipata alla fine dell’anno la precedente scadenza del 20.1.2011.

Il nuovo termine si è reso necessario al fine di tenere conto delle indicazioni contenute nella Comunicazione della Commissione europea 2.12.2010, la quale ha stabilito che il regime di aiuto temporaneo di importo limitato possa essere concesso entro il 31.12.2011 a condizione che i potenziali beneficiari abbiano sottoposto alle autorità competenti la domanda entro il 31.12.2010.
4 MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DEL MODELLO “CRT”
Il modello “CRT” deve essere presentato all’Agenzia delle Entrate:
• esclusivamente in via telematica, direttamente o attraverso gli intermediari abilitati (es. dottori commercialisti, esperti contabili, consulenti del lavoro, società del gruppo, ecc.);
• utilizzando il prodotto di gestione denominato “AGEVOLAZIONECRT”, disponibile gratuitamente sul sito dell’Agenzia delle Entrate (www.agenziaentrate.gov.it).

La prova della presentazione è costituita dalla ricevuta rilasciata in via telematica dall’Agenzia delle Entrate che attesta l’avvenuto ricevimento del modello.
5 COMUNICAZIONE DELL’AGEVOLAZIONE SPETTANTE
L’Agenzia delle Entrate determina la percentuale massima del risparmio d’imposta spettante, sulla base del rapporto tra:
• l’ammontare delle risorse stanziate, pari a 70 milioni di euro;
• l’ammontare del risparmio d’imposta complessivamente richiesto con la presentazione dei modelli “CRT”.

Tale percentuale sarà comunicata mediante un successivo provvedimento della stessa Agenzia.

Nel rispetto dei suddetti termini non è quindi rilevante il momento cronologico di presentazione della domanda.

Torna

 

 
     
Studio Zaglio - P.IVA: 00453250201